21st Century Monastic Man (pt. 2/4)

(la prima parte è qui)

Tornando alle quattro qualità indispensabili evidenziate da Michael Casey (ricerca di Dio, rinuncia, semplicità e tradizione), vediamo alcuni degli sviluppi abbozzati dal monaco e scrittore trappista.

La rinuncia anzitutto si modellerà sull’evoluzione della società circostante: «I modi che la rinuncia monastica adotterà saranno determinati dalle forme in cui l’ambiente sociale esprimerà l’alienazione o il disinteresse nei confronti di Dio». Ciò cui i novizi dovranno rinunciare determinerà la «forma esteriore della vita monastica»; se la società industriale, ipotizza Casey, continuerà a isolare vieppiù i suoi membri in una rete di circostanze e attività virtuali, i monasteri potrebbero ad esempio diventare «centri di realtà non-virtuale».

Alcuni monasteri sopravvivranno come «monumenti di meravigliosa irrilevanza», perché ci sarà sempre qualcuno che vorrà far parte di una tradizione gloriosa anche se ormai spenta. Saranno, questi, luoghi di conservazione della memoria, «parchi a tema devozionali, con alcuni veri monaci proprietari del luogo che parteciperanno part-time alle diverse attività condotte sul terreno del monastero» («pious theme parks»? Accidenti!). Ma la spinta innovativa verrà da altre comunità che sapranno mettere in discussione qualsiasi aspetto della tradizione. La tradizione va ripensata, reinventata in modi che sgorgheranno dai luoghi dove il monachesimo sarà più vitale, e «l’Europa non può reclamare alcun monopolio di decisione circa i modi nei quali la spinta monastica cercherà di esprimersi; probabilmente nemmeno circa l’interpretazione della tradizione benedettina». Apertura e inclusività dovranno essere le parole d’ordine, ed è qui che i toni di Casey si alzano e l’ottimismo contribuisce a colorare le visioni del futuro.

Tanto per cominciare, in questa prospettiva le comunità miste saranno all’ordine del giorno («non vedo come questo possa essere evitato una volta che accettiamo la premessa dell’uguaglianza di genere»): basterà essere un minimo attenti a strutture architettoniche e riti comunitari per non esporre a inutili rischi la castità, la quale peraltro ne risulterà padroneggiata con maggiore profondità.

Ma l’apertura potrebbe anche andare oltre. «Ecco quanto è buono e quanto è soave che i fratelli vivano insieme!» canta il Salmo 133, «certo», commenta Casey, «ma non sarebbe ancor meglio se insieme vivessero i fratelli e le sorelle, gli ebrei, i greci e i barbari, i giovani e i vecchi, i saggi e gli stupidi, gli innocenti e i recidivi?» Con l’amore, il lavoro e i leader carismatici, secondo lui si può fare.

Come dicevo, talvolta l’accento è spostato di più sulla preoccupazione. O meglio, lo sguardo verso il futuro si accompagna a toni meno brillanti, come nel caso dei Thoughts on the Future of Western Monasticism, del monaco benedettino Terrence Kardong, scrittore e curatore dell’American Benedictine Review. Dopo un breve excursus autobiografico, Kardong apre la sua riflessione sulla nota più evidente e dolente: «La parte più significativa del problema è il reclutamento. Le persone non chiedono più di entrare nei nostri monasteri. La mia congregazione, la più grande nel mondo sul versante maschile, conta la metà dei membri che aveva nel 1965… Certo, domani può presentarsi alla porta un san Bernardo con tutta la famiglia e ribaltare la tendenza, ma nel complesso il mondo monastico si sta restringendo». Qualcuno obietterà, ricorda Kardong, che ci sono comunità in piena fioritura. Sì, nel mondo in via di sviluppo la vita monastica possiede ancora un certo tipo di attrattiva, e d’altra parte in Occidente ci sono delle «nicchie» tradizionali destinate a sopravvivere senza problemi, «ma non vedo come questo possa essere il futuro di tutto il mondo monastico».

(2-continua)

Michael Casey, Thoughts on Monasticism’s Possible Futures; Terrence Kardong, Thoughts on the Future of Western Monasticism, in A Monastic Vision for the 21st Century a cura di P. Hart, ocso, Cistercian Publications 2006, pp. 23-42; 57-72.

2 commenti

Archiviato in Libri

2 risposte a “21st Century Monastic Man (pt. 2/4)

  1. Giancarlo

    Caro Mr Potts,
    Ho letto con molto interesse i due commenti su fatti, e devo riconoscere che tante cose che tu(e l’autore trappista) fate sono pertinenti. Ma ti pongo una domanda, che dal mio punto di vista esperienzale diventa fondante: quando il Salmista dice “che vivano insieme” allude ad una prospettiva di “coralità” che in un singolo testo manca del tutto. Già negli anni ’60 molti monaco facevano critiche a Th.Merton, affermando che la sua visione del monachesimo nord americano era molto diversa dalla realtà di Cassino, Subiaco e così via. Lo stesso si può dire delle prospettive monastiche che appaiono fortemente diverse a seconda dei paesi dove sono insiti i monasteri stessi. Infatti trovo ben curioso che sia proprio il monachesimo che manchi del “coro”!!!! Ciascuno rischia di essere una voce solista, in contrasto appunto con il Salmista stesso.
    Ti saluto caramente

    • MrPotts

      Caro Giancarlo,
      credo che uno dei punti di interesse del volume in questione sia proprio il suo essere “lontano dall’Europa” (Casey è addirittura australiano). Non che questo rappresenti un valore in sé, mi pare semplicemente interessante e rappresentativo di una parte del mondo monastico di oggi che cerca di muoversi secondo percorsi non ancora chiari.
      Anche questo è un punto che mi attira molto e sul quale mi piacerebbe sentire l’opinione di un monaco: quanto cambia la “ricetta benedettina” (o trappista, o certosina) a seconda del luogo in cui viene adottata? Quanto resta immutabile, al di là di epoche e latitudini? La Regola ha mostrato una duttilità eccezionale: è potenzialmente illimitata questa duttilità, oppure esistono dei limiti oltre i quali non si può più parlare di vita monastica benedettina?
      Molti degli scritti raccolti nel volume ruotano intorno a queste domande; e tra l’altro in uno di essi c’è proprio un riferimento preciso alla “coralità” cui fai riferimento.
      Ti ringrazio per essere intervenuto e ricambio i saluti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...